20 Marzo 2015 – Eclissi di sole


Eclisse 20-Marzo

Le posizioni planetarie al momento dell’eclissi

Il 20 di Marzo sarà un giorno astrologicamente speciale, perché si attende un’eclissi di Sole che in Italia sarà visibile per il 70%, intorno alle 10,35 del mattino. Sarà probabilmente il giorno più potente e mistico dell’anno, perché unito ad altri momenti importanti di questo anno particolare.

Il termine eclissi è legato al verbo “eclissare”, cioè nascondere o cancellare. L’eclissi di Sole o di Luna si verifica quando la terra e i luminari si trovano allineati e, contemporaneamente, la Luna si trova in fase di Novilunio o di Plenilunio. In quel momento la luce del Sole viene parzialmente o totalmente oscurata se la luna nuova si trova tra il Sole e la Terra. Viceversa, la luna piena può essere nascosta totalmente o in parte dalla terra quando questa si trova tra la Luna e il Sole.

I periodi di luna nuova offrono sempre la possibilità di nuovi inizi e questa, in particolare, avviene a ridosso di un altro importante inizio, quello del nuovo anno zodiacale, ossia l’ingresso del Sole in Ariete, nell’equinozio di primavera. Sarà ulteriormente particolare perché la Luna si troverà nel momento in cui è più vicina alla terra e avrà quindi una forza magnetica più forte. Si tratta di un insieme di eventi cosmici rilevanti riuniti insieme, tutti riguardanti gli “inizi” ed il cambiamento!

Le eclissi hanno suscitato negli uomini, fin dai tempi più antichi, emozioni e timori legati a possibili eventi funesti o ad annunci di prosperità. Generalmente si pensava che le eclissi lunari riguardassero la gente comune, mentre quelle solari presagissero situazioni legate al Paese, ai nobili, alle autorità civili o religiose. A questo proposito sorsero anche diverse leggende ma, soprattutto, si diceva che la luce del Sole o della Luna si nascondessero come avvertimento per gli esseri umani.

Potrebbe sembrare un’idea strampalata, ma negli studi astrologici si ritiene concreto il fatto che siamo tutti collegati, nello spazio e nel tempo, e che facciamo parte di un unico disegno cosmico, molto più ampio di quanto riusciamo a concepire con le nostre piccole menti. Le energie cosmiche stimolano le coscienze perché queste possano evolversi ed i segni celesti le rappresentano simbolicamente.

Tracciando una carta astrologica con i dati dell’eclissi si può indagare la particolare tematica che si svilupperà nei tre anni e mezzo successivi, indipendentemente da dove l’eclissi risulta visibile. Da tale tema si possono estrapolare informazioni interessanti su condizioni e situazioni che riguarderanno la Terra in generale ed i luoghi in cui, probabilmente, si verificheranno cambiamenti sostanziali, quali personaggi saranno coinvolti o che tipo di affari acquisterà particolare importanza.

A livello personale, invece, se un’eclissi si verifica in congiunzione ad un pianeta nella carta di nascita, tutto ciò che è legato alla simbologia di quel pianeta acquisterà un forte rilievo di natura trasformativa. Osservando sotto quale segno zodiacale essa ha luogo, il governatore e l’elemento che la caratterizza, si può capire meglio in quale direzione spingono le sue energie.

Sintetizzando, le eclissi si possono considerare come dei transiti molto importanti, che impegnano le nostre energie in modo particolare e che richiedono un’elaborazione consapevole per essere vissuti in maniera evolutiva ed efficace, piuttosto che difficile ed incomprensibile. A livello collettivo, solitamente, risultano più forti perché l’evoluzione della coscienza a livello di popoli è molto più lenta che a livello individuale ed hanno, perciò, un notevole impatto sulle vicende mondiali. Simbolicamente, potremo riscontrare, ad esempio, che l’eclissi coinvolge direttamente un certo aspetto planetario nella carta di una particolare nazione.

In generale, gli studiosi di eclissi ritengono che sia consigliabile evitare di prendere iniziative importanti quando si verifica questo fenomeno, perché le energie in gioco tendono alla destabilizzazione che, però, è la stessa forza che spinge al rinnovamento. Questo può essere segnalato, graficamente, a livello personale da un eventuale pianeta del nostro tema natale toccato per congiunzione o opposizione dall’eclissi. Tale pianeta diventa il canale attraverso cui alcune energie cosmiche coinvolgono la nostra vita offrendoci la possibilità di agevolarci nella realizzazione di progetti, nel concepimento di nuove iniziative, oppure nell’ostacolare la loro attuazione al punto da far sorgere seri dubbi sulla validità di ciò che stiamo facendo. Le eclissi, come il transito di alcuni pianeti lenti su punti sensibili dell’oroscopo, possono segnalare momenti di svolta nelle nostre vite, in cui siamo chiamati a porre fine a situazioni ormai obsolete, superare i nostri limiti ed uscire coraggiosamente dalla normale zona di comfort per sperimentare nuove possibilità.

Come interpretazione della situazione astrale specifica di questi giorni, che potete vedere graficamente nell’immagine allegata all’articolo, Sandra Zagatti, superba interprete astrologica, scrive su Astrologiainlinea.it: “Non è facile decifrare queste configurazioni, anzi ho il sospetto che il loro significato sia proprio nella confusione, nell’incertezza. Una congiunzione Mercurio-Nettuno è a mio parere molto bella, intensa, suggestiva: può essere generosa di intuizioni e sembra accennare alla possibilità di una comprensione più ampia; tuttavia, la quadratura di Saturno aggiunge limiti dove non ce ne sarebbero, rigidità a ciò che dovrebbe essere duttile e adattabile. Su un piano più pratico, c’è chi ribalta la situazione e vede la minaccia proprio in Nettuno, inteso come mare ma anche come ideologia fanatica, interpretando Saturno come necessità di regolarizzare più severamente i flussi migratori e controllare anche militarmente i nostri confini. (…) Però, al di là della domificazione, ragioniamo pur sempre su movimenti celesti che hanno valore assoluto, che si fanno sentire in tutto il mondo e non si capisce perché soltanto in Italia debbano esprimersi al peggio! Nel caso, sarebbe comunque colpa degli italiani e non dei pianeti, tuttavia preferisco ipotizzare (e naturalmente sperare) che ci sia spazio per espressioni migliori. Ad esempio, bisogna notare che quella congiunzione Marte-Urano nella settima casa del tema di Luna Piena coinvolge anche Venere, nonché Giove in trigono dall’undicesima casa: i due Benefici della tradizione astrologica che donano speranza su due settori (appunto la settima e l’undicesima casa) che parlano anche di alleanze, di accordi, di partecipazione.”

Individualmente, possiamo sicuramente fare qualcosa di positivo in queste giornate astronomicamente e astrologicamente importanti dedicando più tempo a noi stessi, all’introspezione e alla meditazione, curando l’armonia interiore ed esteriore. Stare nel qui e ora ed osservare ciò che accade con sereno distacco è sempre di grande insegnamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *